• Monica Bon

GoShop….e la vendita è fatta!


Carissimi Beauty Makers,

se state seguendo le dirette su Facebook e la comunicazione in generale di BOSS e Club dei Parrucchieri (www.clubdeiparrucchieri.it ), sapete già di cosa stiamo parlando.

Facciamo brevemente un riassunto delle “puntate precedenti”.

Il D.P.C.M. del 11 Marzo 2020 ha disposto la chiusura di tutte le attività commerciali non essenziali.

La calata di serrande obbligatoria, ha costretto ad un fermo lavorativo che sembrava avere un termine più breve, ma si è trasformato in un “sine die”.

Questo ha avuto in modo inevitabile, ripercussioni sul fatturato che per forza di cose ha subito un azzeramento totale.

Che fare allora?

Dopo qualche giorno di comprensibile smarrimento, ci siamo rimboccati tutti le maniche e abbiamo cercato di capire cosa fare per rendere produttivo questo momento storico che non ha nessun precedente. Perché sedersi ad aspettare che il Governo dica che è ora di riaprire svilisce, oltre al fatto che non aiuta economicamente.

Ci siamo quindi chiesti insieme a voi, cosa poter fare per i vostri clienti. E subito è nata l’idea di “vicinanza”: vi abbiamo suggerito di comunicare. Comunicare con qualunque mezzo che non siete spariti dalla faccia della terra, che ci siete, che siete presenti anche se il negozio è chiuso. Abbiamo visto moltissimi di voi buttarsi nell’esperienza della realizzazione dei video tutorial a supporto del cliente, messaggi, telefonate, whatsapp, un gran numero dei vostri clienti hanno scaricato la APP GoBooking, anche perchè uno dei suggerimenti iniziali che vi abbiamo dato è stato quello di iniziare a fissare gli appuntamenti per la riapertura.

(E, per inciso, non smettete di farlo perchè appuntamenti fissati eventualmente prima della riapertura si possono sempre spostare!).

Con il passare dei giorni e i continui reinvii dell’apertura si è però fatta sentire una duplice esigenza: da un lato quella dei vostri clienti che, assenti dal negozio per così tanto tempo, avevano bisogno dei prodotti. Dall’altro la necessità di fatturare.

E’ dall’unione di questi due bisogni, che è nata GoShop, la nuovissima funzionalità di acquisto “online” di GoWeb e della APP GoBooking.

Abbiamo già parlato in più di un’occasione delle tematiche legate alla vendita di prodotti sia durante le dirette che in un precedente articolo ( https://www.bossitalia.com/post/negozio-chiuso-e-noi-vendiamo-online ) e abbiamo concluso che si può fare. Concentriamoci soprattutto su come poterlo fare.

Partiamo dalla APP: con questo aggiornamento di GoBooking, i vostri clienti potranno accedere al vostro catalogo prodotti, scegliere i prodotti che preferiscono, metterli nel carrello e ordinarli.

A voi in GoWeb arriverà una notifica, la vedrete nella reception in corrispondenza del cestino della spesa (in alto, vicino alla previsione di fatturato). Aprendo il cestino vedrete chi ha fatto l’ordine, cosa ha ordinato, quanto ha speso. Da lì potrete portare la “spesa” nel conto (tecnicamente: il cliente selezionato dentro al cestino entra in sala insieme ai prodotti che ha acquistato) ed emettere il documento fiscale.

Facile no?

Voi però dovete già esservi organizzati per le seguenti attività:

1) dovrete aver preparato un catalogo dei vostri prodotti con immagini e prezzi. Esso verrà visualizzato dai vostri clienti sulla APP GoBooking. Ricordate che un catalogo accattivante incentiva l’acquisto dei tuoi prodotti e fa la differenza in una vendita di successo.

2) dovrete aver scelto con quale strumento far pagare i clienti. Carta di credito, bonifico bancario, contante. Va bene qualunque di questi ed hanno implicazioni differenti:

  • carta di credito: immediato, dovrete scegliere l’intermediario grazie al quale incassare il denaro. Possiamo favi alcuni esempi:

Stripe ---> www.stripe.com

Paypal ---> www.paypal.com

Sumup ---> www.sumup.it

Satispay ---> www.satispay.com

Il cliente riceverà il link al conto da pagare e pagherà con la sua carta in un attimo.

  • contanti: sottintende che dobbiate ritirarli a domicilio del cliente

  • bonifico bancario: ha necessità di qualche giorno di attesa

3) dovrete aver deciso se consegnare personalmente i prodotti oppure avvalervi di un corriere. Attenzione! siate certi di rispettare la normativa: è consentita la consegna dei prodotti a domicilio, nel rispetto dei requisiti igienico sanitari sia per il confezionamento che per il trasporto, ma con vendita a distanza senza riapertura del locale. Chi organizza le attività di consegna a domicilio - lo stesso esercente o una cosiddetta piattaforma - deve evitare che al momento della consegna ci siano contatti personali a distanza inferiore a un metro (i prodotti di prima necessità sono elencati nell'allegato 1 al Dpcm 11 marzo 2020). “

( FAQ del Governo a questo indirizzo: http://www.governo.it/it/faq-iorestoacasa)


Per la regione Lombardia vige l’ordinanza n. 522 del 6 Aprile 2020: è consentita la consegna a domicilio per tutte le categorie merceologiche, anche se non comprese nell'allegato 1 del d.p.c.m. dell'11 marzo 2020; la consegna a domicilio deve avvenire nel rispetto dei requisiti igienico sanitari sia per il confezionamento che per il trasporto. Chi organizza le attività di consegna a domicilio deve evitare che al momento della consegna ci siano contatti personali a distanza inferiore a un metro


Il nostro consiglio, da sempre, è quello di lasciar fare al corriere e se avete il dubbio che sia eccessivamente dispendioso, sappiate che esistono piattaforme di veri e propri “broker” che mettono a disposizione diversi trasportatori e servizi di trasporto, ritirando il pacco a casa vostra e portandolo direttamente al cliente. A prezzi decisamente accessibili.

Anche in questo caso vi facciamo qualche esempio:

Questi li abbiamo testati direttamente, sono semplici, rapidi ed economici.

Oltre ad essi ci sono i classici corrieri.

4) in ultimo, quale documento emettere?

  • Se hai fatturazione elettronica con BOSS, niente di più semplice: quando hai il conto in cassa, generi la fattura elettronica e il gioco è fatto. Ricorda solo di chiedere il codice fiscale al tuo cliente, altrimenti la fattura elettronica non viene inviata.

  • Se non hai fatturazione elettronica con BOSS, puoi emettere fattura direttamente dall’area “Fatture e Corrispettivi” del portale dell’Agenzia delle Entrate.

  • Siccome nella maggior parte dei casi andrete in negozio per preparare i prodotti da spedire, potrete emettere il Documento commerciale ed inserirlo nel pacco. Al termine della preparazione, ultimata l’emissione dei documenti, ricordate di fare la chiusura giornaliera (quindi invio telematico dei corrispettivi)

  • Ultima alternativa è generare il documento commerciale direttamente dall’area “Fatture e Corrispettivi” del portale dell’Agenzia delle Entrate


Questa, cari Beauty Makers, è una grandissima opportunità. Per stare vicino ai vostri clienti, per sentirvi utili, per restare visibili ma soprattutto, cosa da non trascurare, avete l’opportunità di fare un po’ di cassa prima che si riparta.


Vi ricordiamo le nostre dirette e le dirette di Club dei Parrucchieri su Facebook, la nostra area riservata e i nostri webinar per approfondire questi argomenti e vedere “dal vivo” come funziona GoShop!


356 visualizzazioni

BOSS s.r.l - Soluzioni Gestionali. - P.IVA e C.F. 03668350964 Via Monte Leone 97 - 21013 Gallarate (VA)

Tel. 02-00619323  (SECONDA LINEA 02 37901630)  Fax. 02-93663067    email: info@bossitalia.com 

Copyright © 2020 Tutti i diritti riservati

 

  • Wix Facebook page
  • Google Classic
  • Instagram Social Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Pinterest Social Icon
  • YouTube Social  Icon